Tecnica Accademica

con Gabriella Lodi / Micaela Greganti

La danza, arte praticata dai tempi remoti è una, ma i suoi linguaggi sono diversi e ciascuna tecnica va vista come processo di costante trasformazione.

La tecnica accademica intesa come movimenti di danza codificati e classificati, prende corpo con la fondazione nel 1661 dell’"Académie Royale de Danse” per volere di Luigi XIV.
Il Settecento, epoca di virtuosi, ne elaborò i metodi e precisò gli elementi fondamentali dei passi accademici.
La tecnica della punta appare verso il 1818 e fu sublimata da grandi ballerine romantiche. Carlo Blasis, con il “Trattato elementare teorico e pratico dell’arte della danza” (1820), fissa le regole della danza classica in modo definitivo.
L’arte del balletto, arricchitasi nei nostri giorni di nuovi movimenti scenici è chiamata a conservare gli elementi della danza classica più pura.
La Tecnica, intesa come grammatica e linguaggio della danza Accademica, trasmette un messaggio artistico subordinato a forme e stili rigorosi.
Con lo studio gli allievi apprendono la tecnica dell’esecuzione, l’espressione, la coordinazione dei passi, sviluppano la forza, la resistenza e l’armonia del corpo.

DESCRIZIONE CORSO

1°, 2° e 3° corso
Si studiano le basi della danza classica con un graduale aumento delle difficoltà. È potenziata la rotazione delle gambe, viene raggiunta l’esatta impostazione del corpo, e se ne incrementano flessibilità e stabilità; si apprende l’esecuzione dei salti e la coordinazione precisa dei movimenti.

4°, 5° e 6° corso
In questi corsi inderogabile è la qualità dell’esecuzione. Oltre a sviluppare resistenza, forza e stabilità, si educano i movimenti a diventare plastici ed espressivi. Vengono assimilati nuovi tempi per l’adagio e l’allegro e si affronta lo studio dei passi di danza che presentano crescente difficoltà. Parte rilevante della lezione sono gli esercizi sulle punte e il Grande Adagio. Si iniziano a manifestare le capacità personali dell’allievo e se ne sviluppa il senso artistico.

7° e 8° corso
Viene completato il programma. Rigorosa è la coloritura dell’esecuzione ed è inserito lo studio dei virtuosismi, che diventano a mano a mano più difficoltosi e personali.
Le capacità dell’allievo sono sottoposte a un lavoro di rifinitura con lo scopo di raggiungere sicurezza e possibilmente una esecuzione perfetta.
I programmi, relativi ad ogni corso di studio di tecnica accademica, sono depositati in segreteria e possono a richiesta essere visionati.